Un rilancio per tenere la brace accesa

Tutti i materiali del convegno “Mutualismo. Pratiche, conflitto, autogestione”, che si è tenuto a Roma c/o Scup il 7/8 aprile

Sabato 7 e domenica 8 aprile, c/o Scup a Roma, si è svolto il convegno “Mutualismo. Pratiche, conflitto, autogestione”, promosso da Fuorimercato rete nazionale, Edizioni Alegre, Rivista "Gli Asini", Scup Sportculturapopolare, Communia

Il convegno è stato un’occasione importante per tanti motivi. Ha permesso l’incontro di moltissime organizzazioni, realtà con progetti diversi e che operano in territori differenti, ma che sono accomunate dalla pratica del mutualismo, dell’autogestione e del “far da sé solidale”: movimenti contadini, movimenti femministi, fabbriche e fattorie occupate, centri sociali occupati e autogestiti, cooperative di produzione e distribuzione, gruppi di migranti, organizzazioni che praticano accoglienza ai migranti, associazioni che operano all’interno della scuola e dell’università, realtà del consumo critico e della finanza solidale, organizzazioni sindacali, cliniche legali e sportelli, associazioni sportive, cucine popolari, collettivi che offrono servizi di welfare o culturali, case editrici, case occupate.
Ha permesso l’incontro di diverse generazioni di militanti, tra chi pratica mutualismo dagli anni Settanta e chi ha conosciuto questo termine in occasione del convegno. Ha rappresentato un’occasione utile e necessaria di formazione per molti attivisti, che hanno scoperto la profondità storica di questo tipo di pratiche. Ha consentito – grazie a un’organizzazione della discussione basata su gruppi di lavoro, e sulla facilitazione – l’approfondimento di questioni e problematiche comuni a molti progetti e una discussione su come tali questioni sono e possono essere affrontate nelle pratiche quotidiane.

Il concetto di mutualismo – è stato affermato – non deve essere utilizzato come un termine onnicomprensivo: se definiamo tutte le pratiche di solidarietà e autogestione come mutualistiche, questa idea perde parte del suo valore. A partire dalle discussioni del convegno, è emersa con forza l’idea della “natura istituente del mutualismo”: il mutualismo parte dalle pratiche – dalla sperimentazione concreta di progetti, dall'attività economica cooperativa e autogestita, dalla gestione di beni comuni, ecc. – e si pone il problema concreto di come trasformare la società a partire da quanto emerge nella quotidianità di questi progetti.
Ragionare attorno alle pratiche del mutualismo consente a questo movimento di fare dei passi in avanti rispetto all'idea di “economia solidale”, in cui pure molti attivisti si sono formati e sono cresciuti, ma anche di porre nel modo più concreto possibile le questioni della ricomposizione di classe o della costruzione, gestione e difesa dei beni comuni, che spesso restano enunciate a un livello solo teorico. E questo è possibile perché ragionare a partire dal mutualismo ci consente di porre questioni importanti all'interno delle nostre realtà autogestite: la questione dei rapporti interni alle assemblee e nella quotidianità del lavoro sociale, economico e politico, ribadendo con forza che il femminismo dev'essere assunto da tutti i membri dei progetti mutualistici o ragionando sui rapporti che ci sono tra nativi e migranti all'interno di essi; la questione del lavoro, che va rimessa al centro dell’azione e della riflessione, ancor più di quella del consumo, che è stata spesso considerata con maggiore attenzione; la questione del conflitto sociale, una dimensione che non può essere espunta o rimandata e deve crescere parallelamente a quella del “far da sé solidale”, perché un progetto mutualistico, se si accontenta di costruire piccole nicchie solidali e autoreferenziali, rischia di avere vita breve.

Come tenere accesa la brace, come continuare a ragionare di mutualismo e soprattutto ad allargare questo movimento nei prossimi mesi e anni? A partire dal convegno, le organizzazioni che lo hanno pensato e lanciato propongono tre campi di attività.
Il primo è locale: il mutualismo parte dai territori ed è importante che nelle città e nelle campagne le pratiche mutualistiche vengano utilizzate per costruire unità, per coordinare progetti e realtà, per allargare le reti, per scambiare idee, supporto, servizi. Durante il Convegno sono stati descritti processi di allargamento dei rapporti nelle città e di coordinamento tra realtà diverse, ad esempio a Bari, Bologna, Roma, Bergamo, Milano. In molti di questi casi, le realtà che praticano mutualismo sono protagoniste e promotrici dell’ampliamento delle reti di relazioni sui territori. È importante continuare in questa direzione: chi pratica concretamente attività mutualistiche può farsi promotore di processi unitari, andando al di là di differenze spesso soltanto identitarie che contrappongono realtà di movimento.

Una seconda proposta è quella di scrivere assieme un “Manifesto del mutualismo e dell’autogestione” che supporti una costante e duratura “Campagna per l’autodeterminazione dei territori”. Un Manifesto che prenda spunto dal lavoro che già è stato fatto da molte realtà e reti – dal Manifesto di Genuino Clandestino alla Dichiarazione di gestione civica di un bene comune di Mondeggi Fattoria senza padroni – e che non rimanga soltanto un lavoro teorico. Un Manifesto che dia invece forza ai movimenti che lavorano per l’autodeterminazione dei territori, nelle campagne e nelle città, nella costruzione di un’economia diversa e giusta e nel conflitto sindacale, nell’opposizione alle grandi opere e alle devastazioni ambientali e nella costruzione, difesa e autogestione di beni comuni. Questo Manifesto sarà scritto collettivamente, anche attraversando gli appuntamenti delle prossime settimane, che sono stati lanciati durante il Convegno, a partire dall’incontro nazionale di Genuino Clandestino (Mondeggi, 27-29 aprile) e dall’incontro “Vuoti a prendere”, organizzato dal Comitato per la difesa delle Esperienze Sociali Autogestite a Bologna (Casa del popolo 20 Pietre, 12 maggio), per provare a lanciarlo nella tre giorni di festa prevista alla Fattoria senza padroni di Mondeggi a fine giugno.

In terzo luogo, è necessario darsi strumenti organizzativi per continuare il lavoro svolto nei gruppi di lavoro del convegno: strumenti informatici e di comunicazione, ad esempio un sito web che, a partire dai siti già esistenti, possa funzionare non solo da strumento di informazione sulle iniziative che vengono realizzate, ma anche da piattaforma per lo scambio concreto di prodotti, servizi, esperienze; l’organizzazione di altri incontri di formazione su mutualismo e autogestione, ma anche di carattere sindacale, da svolgersi sia nelle singole città, sia come futuri appuntamenti di carattere nazionale. A questo proposito, un obiettivo fondamentale è che il movimento si allarghi anche ad altre realtà e ad altri tipi di movimenti – in particolare i movimenti ambientalisti e di opposizione alle grandi opere, che sono stati fondamentali nell’Italia degli ultimi venti-trent’anni e che sono spesso molto vicini alle pratiche e alle idee del mutualismo, dell’autogestione e dell’autodeterminazione. Nelle prossime iniziative, anche a partire dalla Campagna per l’autodeterminazione dei territori, bisognerà costruire concretamente questi legami e queste alleanze sociali.


TUTTI I MATERIALI DEL CONVEGNO 

 

Mutualismo conflittuale e movimento operaio - Relazione di Salvatore Cannavò

Le pratiche mutualistiche nei movimenti femministiRelazione di Marie Moise

Mutualismo e conflitto nell’economia e nella produzioneRelazione di Gigi Malabarba

 

Gli obiettivi prodotti dai tre gruppi di lavoro

 

Risposte ai questionari delle realtà mutualistiche che hanno partecipato

 

Ascolta gli audio di tutti gli interventi

 

SEGUICI SU  

Cerca nel sito

Dal mondo

Le nuove sfide dei movimenti popolari. Intervista a João Pedro Stedile

Appuntamenti

Difendiamo Ri-Make!.

Pratiche & idee

Fuorimercato, uno spazio di potere popolare dal basso in costruzione