Chi siamo

Nata tre anni fa dall’incontro tra la fabbrica recuperata RiMaflow di Trezzano s/N e SOS Rosarno per la distribuzione diretta dei prodotti agricoli, Fuorimercato ha man mano dato vita a un collegamento tra diverse realtà urbane e rurali in nome dello scambio e del mutuo soccorso, anche al di là dell’alimentare."

Passando per la costruzione di una rete nazionale Fuorimercato, tra realtà che condividono un progetto politico e sociale anticapitalistico e che hanno in corso una comune attività di scambio economico, di mutuo soccorso e solidarietà, sostenibile sia dal punto di vista ecologico che sociale – Fuorimercato si è dato l'obiettivo di diventare organizzazione, di costruire uno spazio autonomo, autogestito e allo stesso tempo riconosciuto, legittimato da pratiche democratiche dal basso.

FM non intende rappresentare un mercato alternativo, ma un'alternativa al mercato; ovvero il luogo antropologico diffuso nel quale si connettono la produzione, la riproduzione e la circolazione di un'economia altra. FM si muove in un'ottica di economia comunitaristica (egualitaria e autogestita) in radicale alternativa al capitalismo. E nella prospettiva di un'economia delle resistenze, di sostegno a una crescita delle lotte antisistema.

L'associazione Fuorimercato – come recita il suo Statuto nell’articolo 2 - “è costituita da tutte le tipologie di lavoratrici e lavoratori del circuito economico formale e informale e si ispira alle società operaie di mutuo soccorso, combinando conflitto e solidarietà sociale; promuove vertenze per la tutela delle condizioni di vita e di lavoro di tutti i settori sfruttati e oppressi nella città e nel mondo rurale; promuove e organizza forme societarie di produzione (comunitaria, cooperativistica o aziendale) basate sui principi dell’autogestione, come forma di resistenza del mondo del lavoro alla privazione dei diritti e per tutelare reddito, dignità, cibo sano, salute, educazione, cultura e ambiente; promuove e organizza forme di riappropriazione sociale dei mezzi di produzione e delle terre e dei beni sequestrati alla criminalità organizzata e abbandonati; promuove e organizza la custodia di terre e beni pubblici, demaniali e non, per la loro trasformazione in bene comune”.

L'associazione è costruita su nodi locali – ad oggi (nominarli) - e sui Punti FM, che rappresentano luoghi di scambio delle produzioni, materiali, culturali e sociali, delle realtà di FM e ad essa collegate.

Possiamo in qualche modo sintetizzarla così: Fuorimercato è un'organizzazione sociale a rete di mutuo soccorso, finalizzata alla costruzione dal basso di istituzioni economiche in rottura con le leggi del mercato. Costituita quindi da esperienze sociali e politiche autonome di autorganizzazione, che esercitano forme di appropriazione collettiva in contrapposizione alle forme di dominio capitalistico.

 

SEGUICI SU  

Cerca nel sito

Dal mondo

Le nuove sfide dei movimenti popolari. Intervista a João Pedro Stedile

Appuntamenti

Difendiamo Ri-Make!.

Pratiche & idee

Fuorimercato, uno spazio di potere popolare dal basso in costruzione