Sobilla migrante

Sobilla migrante

Mutuo soccorso, autogestione, accoglienza dal basso

Nell’Italia del razzismo istituzionale, dell’insofferenza sociale diffusa, dove tolleranza e xenofobia alimentano divisioni e conflitti, esistono diverse realtà urbane e rurali, composte da native/i e migranti, accomunate da pratiche sociali ed economiche basate sul mutuo soccorso e sull'autogestione. Molte di queste esperienze che vivono e si alimentano attraverso la valorizzazione delle diversità - il colore della pelle, il genere o l’ orientamento sessuale, la provenienza geografica - vogliono costruire un’economia altra, fuori e contro le leggi del mercato e al contempo rivendicano la libertà per tutte/i di circolare regolarmente, senza dover subire espulsioni e respingimenti, senza dover sottostare a continui ricatti. Sono pratiche solidali di accoglienza dal basso, autoproduzioni agroalimentari e artigianali fuori dalle logiche dello sfruttamento delle persone e della terra, reti di supporto legale e di inclusione sociale diffuse sui territori. Sono il frutto di un lavoro comune che chiamiamo Fuorimercato. Mentre si costruiscono embrioni di una società differente da quella in cui viviamo, è necessario partecipare anche ad una battaglia cruciale: quella per la cittadinanza e per il diritto all’ospitalità, per porre fine alle politiche repressive e securitarie, contro le leggi Bossi-Fini e Minniti-Orlando, il Regolamento Dublino e l’operato di Frontex, per la chiusura immediata dei campi di detenzione in Libia. Nessuna persona è illegale!


Percorso di autoformazione Fuori Mercato – Movimento Sem Terra brasiliano

Mondeggi – 27 febbraio – 2 marzo

Il Movimento Sem Terra Brasiliano da più di trenta anni si batte contro il latifondo e per una riforma agraria che dia le terre ai contadini. Occupa appezzamenti di terreno per istituire villaggi producendo attraverso pratiche agroecologiche. Costruisce alleanze con lavoratori senza tetto e con le città in generale; intraprende percorsi di formazione tecnica e politica per i suoi attivisti.

Fuori Mercato è una rete che mette insieme una fabbrica occupata e recuperata dai suoi ex lavoratori, la Ri-Maflow, Mondeggi, fattoria senza padroni che in Toscana sperimenta l’uso civico, realtà agricole del sud d’Italia che mettono insieme lavoratori migranti e contadini precari e realtà che in tutta italia praticano solidarietà dal basso. Si parla di ‘sovranità sociale di sussistenza’ (salute delle persone e dei suoli, reddito, abitazione, diritti, cultura) come un insieme di pratiche la cui titolarità e diritto spettano alle comunità interessate.

 

Programma

Lunedì 27

Dalle 10 alle 13
– Introduzione e presentazioni
– Visita a Mondeggi con racconto dell'esperienza Mondeggi Bene Comune – Fattoria Senza
Padroni

Dalle 13 alle 14
– Pranzo autogestito

Dalle 15 alle 18,30
– Che cosa si intende per Terra Bene Comune
– Aspetti tecnici e giuridici
– Discussione sulla dichiarazione d'uso civico in elaborazione a Mondeggi con Prof. Carlo Alberto Graziani (giurista, esperto di Diritto Agrario e docente di Diritto Civile) e Ricardo (formatore del Movimento Sem Terra brasiliano)

Dalle 20,30
– Cena di autofinanziamento
Martedì 28 febbraio

Dalle 10 alle 13
– Breve storia dell'MST e della lotta per la terra in Brasile
– Report del viaggio nelle comunità zapatiste messicane

Dalle 13 alle 14
– Pranzo autogestito

Dalle 15 alle 18,30
– Esposizione e analisi dell'ultimo documento politico del coordinamento dell'MST (Carta di Fortaleza) con attenzione speciale ai punti 1 e 2 della stessa e contestualizzazione alla nostra situazione
– Interventi, domande e discussione

 

Mercoledì 1 marzo

Dalle 10 alle 13
– Cosa si intende per agricoltura contadina o agricoltura familiare?
– Cosa si intende per pratiche di conduzione agroecologica

Dalle 13 alle 14
– Pranzo autogestito

Dalle 15 alle 18,30
– Aspetti pratici-organizzativi del lavoro contadino
– Bene Comune e autogoverno
– Interventi, domande e discussione

 

Giovedi 2 marzo

Dalle 10 alle 13
– Conclusioni del percorso di autoformazione

Dalle 13 alle 14
– Pranzo autogestito

Assemblea territoriale di "FuoriMercato"

Sabato 4 febbraio ore 14,30 a RiMaflow

In occasione del 4° Incontro nazionale della Rete Fuorimercato che si terrà a Rosarno dal 10 al 12 febbraio, si propone un momento di presentazione sul nostro territorio del progetto che ha preso avvio tre anni fa proprio dalla collaborazione di RiMaflow con Sos Rosarno. 

Materiali sono disponibili sul sito www.fuorimercato.com, in particolare nella rubrica 'Riflessioni'.

Vorremmo discuterne con le realtà metropolitane milanesi con cui sviluppiamo attività in direzione della costruzione di una Rete di economia sociale e solidale: dalla piccola produzione contadina al consumo critico (gas, csa e mercati), dalle attività artigianali autogestite ai beni confiscati e recuperati, dagli spazi sociali e culturali all'organizzazione di un'altra accoglienza dei e delle migranti,... 

Come possiamo rafforzare insieme questi progetti?

Fuorimercato si sta costruendo con tutti coloro che ne condividono le finalità, come movimento che punta alla soddisfazione di bisogni concreti (lavoro, reddito, cibo, casa, salute, formazione,...) attraverso forme di mutuo soccorso e di vertenzialità nei confronti di controparti pubbliche e private, sia nelle realtà rurali che in quelle urbane. L'organizzazione di realtà economiche popolari è parte importante di questa impostazione, guardando a movimenti, come i Sem Terra del Brasile o le Fabbriche recuperate argentine, che tanti suggerimenti ci hanno dato.

Senza voler fare quindi concorrenza a realtà politiche, sindacali e sociali che in molti casi già fanno attività utili, Fuorimercato si muove su un altro piano, strutturandosi come progetto di alternativa politico-sociale complessiva per un'economia altra, ecologica, senza padroni né sfruttamento.

 

SIETE TUTTI/E INVITATI/E. VI ASPETTIAMO!

via Boccaccio 1 - Trezzano sul Naviglio

 

Nodo milanese di Fuorimercato

Fa la cosa giusta - Trento - 28-30 ottobre

BIGLIETTI D'INGRESSO: Adulti € 3 / Minorenni € 1 / Fino a 4 anni ingresso gratuito / Abbonati a Trentino Trasporti Esercizio e chi presenta alla cassa un biglietto del treno o del trasporto pubblico obliterato quel giorno, visitatori del Muse o del Castello del Buonconsiglio 2 €

Organizzata da Trentino Arcobaleno e Trento Fiere, “Fa’ La Cosa Giusta! Trento” è una mostra mercato che ogni anno l’ultimo fine settimana di ottobre porta nelle strutture di Trento Fiere in Via Briamasco più di 200 fra agricoltori biologici, botteghe del commercio equo, associazioni, cooperative sociali, e aziende che propongono prodotti e servizi rispettosi dell’ambiente. Un’occasione per incontrare e quindi conoscere da vicino aziende, progetti e buone prassi amministrative, che sul territorio locale, ma non solo, stanno costruendo un’economia più attenta alle persone e all’ambiente.

Nel 2016 la manifestazione, sorella della omonima fiera nazionale di Milano, celebra la sua dodicesima edizione, con una media nelle ultime tre di oltre 12.000 visitatori.

Anche quest’anno gli oltre 120 volontari garantiranno il funzionamento di una macchina ben rodata: la mostra mercato del consumo critico e degli stili di vita sostenibili occuperà ancora una volta gli spazi interni ed esterni dei padiglioni di Trento Fiere. 

Accanto alle consolidate attività per i bambini, ad un programma culturale sempre più ricco di seminari e laboratori pratici, e alle varie proposte per un pasto più o meno veloce in fiera, è confermato anche quest’anno l’invito a venire in bicicletta, per scoprire le sorprese dello spazio bici a cura della Ciclofficina della cooperativa Kaleidoscopio.


ORARI: Venerdì 28 ottobre dalle 14.30 alle 18.30 / Sabato 29 e domenica 30 ottobre dalle 9.00 alle 19.00

ELENCO ESPOSITORI http://bit.ly/EspositoriFaLaCosaGiustaTrento2016

AREA BIMBI http://bit.ly/FaLaCosaGiustaTrentoInFamiglia

LABORATORI (Prenotati! I posti sono limitati) http://bit.ly/FLCGTN_IncontriLaboratori

Mediterraneo Antirazzista 2016 - 15 e 16 ottobre - Campobello di Mazara

Contadinazioni-Autoproduzioni contro ogni sfruttamento, Mediterraneo Antirazzista Palermo e il campo "Ciao Ousmane" il 15 e 16 Ottobre 2016
parteciperanno alle settimane d’azione #FootballPeople con un torneo di calcio al campetto di Erbe bianche.

Ripartiamo da quel campetto sgangherato e con un pallone perchè è il nostro modo di stare dentro le contraddizioni e di rifiutare la crescente retorica umanitaria che gravita attorno al ghetto dei lavoratori stagionali impegnati nella raccollta delle olive a campobello. In quel campetto dimenticato da tutti quotidianamente pratichiamo "l'integrazione" di cui vi riempite tanto la bocca senza mai averci rivolto la parola. Noi ogni giorno dopo lavoro la pratichiamo anche scontrandoci, urlando, spingendoci tra ragazzi di erbe bianche delle casepopolari e ragazzi che vivono solo un periodo in tenda vicino al campo.
Siamo stanchi di vedere chi ci affama venirci a regalare una coperta quando si accendono i riflettori. 
siete piuttosto invitati tutti a venire e giocarvela a pallone!

Venite tutti sindaco, prefetto, commercianti di olive, rappresentanti dei consorzi della d.o.p., i signori della grande distribuzione di esselunga, conad, coop...tutti gli invisibili del nostro territorio che affamano noi e i piccoli produttori.


https://www.facebook.com/events/1594783190824922/

 

Genuino Clandestino: 23/25 Settembre - Terni

Dove e perché?

Se è vero che non ha senso una rete nazionale senza autodeterminazione dei territori, la scelta di Terni per il prossimo Genuino Clandestino vuole per noi essere fin da subito un tentativo di connettere devastazione ambientale e sovranità alimentare negata. Un’ occasione inderogabile per avviare una riflessione sulla posizione di Genuino Clandestino di fronte ai disastri sui territori, da parte di chi questi disastri li subisce nonostante li combatta prima di tutto attraverso le scelte di vita.

Delegazione di Genuino Clandestino negli accampamenti del MST in Brasile

Siamo arrivati da una settimana in 16 dall'Italia, provenienti da molte realtà di Genuino Clandestino e da RiMaflow. Presenti in particolare compagne e compagni di Mondeggi, Campi Aperti di Bologna, Solidaria e Sfrutta Zero di Bari, GermogliaTo di Torino, Spazio Fuorimercato di Milano e altri/e militanti di movimenti sociali italiani.

L'invito era stato rivolto tempo fa da Joao Pedro Stedile, uno dei dirigenti storici del MST, in occasione di un incontro a RiMaflow, e si propone di condividere esperienze di lotta e di costruzione di realtà economiche e  sociali in rottura con il sistema dominante, in particolare imperniato ancora oggi sul latifondo e sull'agrobusiness.

Incontri estremamente interessanti oggi anche per il particolare momento attraversato dal Brasile dopo il golpe bianco di Temer, che sta avendo riflessi quasi immediati sugli insediamenti: non assegnazione di nuove terre, tagli nei programmi già finanziati, nonché in tutti gli ambiti sociali (salute, previdenza, educazione, legislazione del lavoro,...).

Dopo vari approfondimenti alla Scuola nazionale del MST "Florestan Fernandez" abbiamo avuto incontri alla Flasko, fabbrica occupata nello Stato di San Paolo, e a numerosi insediamenti (realtà di occupazione riconosciute dalla Riforma agraria) e accampamenti (realtà di occupazione in corso, in lotta per il riconoscimento).

In base all'orientamento del MST, in tutte le realtà è in atto una significativa trasformazione delle produzioni in senso agroecologico, attraverso interventi politici, tecnici e di formazione di quadri. Alcune esperienze di superamento delle monoculture sono oggi straordinariamente all'avanguardia, nonostante la repressione che colpisce in continuazione il Movimento.

La delegazione ha modificato il programma degli incontri per poter presenziare a un atto di solidarietà presso l'accampamento "Tomas Balduino" di Quedas in Paranà, dove di recente sono stati assassinati due militanti del MST da parte di un azione combinata di Polizia militare e tagliagole dei fazenderos, con chiaro scopo di intimidazione contro le nuove occupazioni, che comunque continuano.

La delegazione di GC sta raccogliendo numerosi materiali di documentazione per preparare incontri al ritorno in Italia.

Gigi Malabarba

Maringà, Paranà 19 luglio 2016

Milano 10 settembre: Spazio Fuorimercato presenta i produttori nella 'piazza comune'

Spazio Fuorimercato, il nodo milanese di Genuino Clandestino, organizza per sabato 10 settembre in Piazza Stuparich (M1 e M5 Lotto) la prima 'piazza comune' della ripresa dopo le ferie.

In questa occasione di mercato contadino, cucine ed eventi per tutta la giornata saranno presentati sia i produttori locali che alcuni produttori di altre realtà che rappresentano un particolare valore aggiunto. Tra questi URUPIA, comunità agricola di Francavilla Fontana, Funky Tomato, produttori della filiera del pomodoro di Basilicata e Campania, le Cingiallegre del cremonese e Mercatiniera di Parma che hanno dato vita alla rete Aragna, ed altri che decideranno di partecipare.

Per informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cascina di Cingia (CR) - 2-3 luglio 2016 - Seminario sui progetti collettivi

  • come far nascere e finanziare un progetto collettivo?
  • come declinare la proprietà privata nella vita comunitaria?
  • qual’è il nostro rapporto con il denaro?
  • come si realizza la partecipazione con pari diritti?
  • quali sono i percorsi decisionali che valorizzano le diversità?

Ci accompagnano in queste due giornate gli amici Rolf e Antje, portando tra noi alcune esperienze di vita e lavoro collettivo realizzate in Germania. Rolf e Antje metteranno a nostra disposizione strumenti e tecniche di riflessione collettiva facilitando lo svolgimento del seminario.

Loading...
Loading...